Il Master in Infermiere case manager prepara gli infermieri a svolgere un ruolo fondamentale di coordinamento degli interventi sanitari e di assistenza sociale in base alla rilevazione dei bisogni della persona e della famiglia. Garantisce un’appropriata allocazione delle risorse, il contenimento dei costi e la responsabilità per l’assistenza prestata all’assistito accompagnandolo nell’intero iter del ricovero, collaborando con i professionisti sulle decisioni operative e pianificando gli interventi in modo da evitare duplicazioni e attese con l’obiettivo di contenere la durata del ricovero al minimo indispensabile.
Il corso approfondisce il tema del Case Management, processo basato sull’integrazione e la collaborazione tra professionisti afferenti a diversi ambiti disciplinari e professionali, che si pone dentro il principio del “prendersi cura” dell’assistito per garantire continuità e qualità nel suo percorso clinico assistenziale.
Il Master è orientato all’attenzione degli aspetti relazionali, rapportandosi positivamente con altre figure professionali aziendali e del territorio grazie all’acquisizione di competenze trasversali.

Le attività formative del Master in Infermiere case manager sono strutturate in cinque moduli o corsi integrati che sviluppano le specifiche competenze dell’infermiere e in seminari interdisciplinari di approfondimento. Alla fine di ogni modulo è prevista un’attività di verifica dell’apprendimento e di valutazione della soddisfazione degli iscritti.

Completano l’offerta formativa esercitazioni tutorate in contesti specifici.

È previsto un primo modulo di stage assistito in realtà operative con esperienza diretta di case management nell’assistenza ai pazienti ricoverati in contesti ospedalieri, con guida da parte di tutor case manager della durata di una settimana e un secondo modulo di stage che prevede un approfondimento in realtà aziendali dove sono maturate esperienze di case management per la gestione delle dimissioni protette, del triage socio-sanitario e su casistica a domicilio.

Al termine del percorso formativo il discente è chiamato ad elaborare un progetto di miglioramento da proporre nel proprio contesto lavorativo.

Il Master in Infermiere case manager si rivolge a professionisti provenienti dalle seguenti classi di laurea: classe delle lauree triennali in professioni sanitarie, infermieristiche, ostetriche; classe delle lauree specialistiche in Scienze infermieristiche ed ostetriche; diploma universitario in Scienze infermieristiche.

La figura formata integra le competenze generali acquisite nel corso di laurea con le nuove conoscenze e abilità specialistiche acquisite durante il percorso del Master, per un aumento del livello professionale del proprio ruolo.

Il Master in Infermiere case manager prevede la formazione in materia di:

 Modulo 1: RICERCA E EVIDENCE BASED PRACTICE

Metodologia finalizzata ad integrare le decisioni professionali con le evidenze scientifiche, l’esperienza clinica e i valori dei pazienti. Utilizza appropriati strumenti statistici per la descrizione dei fenomeni in ambito clinico, analizza criticamente materiali, metodi e risultati riportati negli articoli scientifici, individua le migliori pratiche infermieristiche utilizzabili in specifici contesti assistenziali, dopo una analisi critica della letteratura reperibile attraverso i principali database.

Modulo 2: CASE MANAGEMENT

La figura chiave di questa metodologia è il Case Manager, professionista che si prende in carico tutte le esigenze della persona assistita, evitando la frammentazione e identificandolo quale gestore della complessità. Il principio consiste nell’attuare un progetto di messa in campo di un pacchetto di servizi differente per ogni paziente a garanzia dell’effettiva continuità del percorso stesso.

Modulo 3: PERCORSI ASSISTENZIALI E CONTINUITÀ DI CURA

I percorsi assistenziali impiegano il modello di integrazione professionale/rete dei servizi e gli strumenti di valutazione multidimensionale applicati nello specifico territorio di appartenenza. Analizzano la continuità assistenziale e le sue esperienze applicative. Identificano i principali indicatori di qualità assistenziale per i percorsi clinici proposti e proponibili.

Modulo 4: GESTIONE DEL RUOLO

Capacità di coordinare appropriatamente le equipe di lavoro al fine di individuare il miglior progetto possibile per la persona assistita. Sviluppare modalità comunicative efficaci per gestire le relazioni trasversali con i diversi interlocutori e con il paziente stesso. Gestire il gruppo di lavoro secondo i principi della leadership di servizio. Migliorare la consapevolezza del ruolo professionale del case manager e favorire lo sviluppo di atteggiamenti ed azioni coerenti.

Modulo 5: SVILUPPO DELLE COMPETENZE CLINICHE

Le competenze cliniche sono il risultato di conoscenze, di abilità e di capacità tecniche, di qualità professionali, manageriali, relazionali ed operative di ogni singolo specialista nel contesto sanitario di riferimento. Il fine consiste nel riconoscere i principali bisogni e problemi inerenti alle condizioni cliniche dell’utente e nel programmare ed attuare appropriate attività di nursing assistenziale nelle diverse fasi sia in ambito ospedaliero che territoriale nella logica del case management.

Si tengono inoltre i seguenti SEMINARI INTERDISCIPLINARI DI APPROFONDIMENTO:

  • Cure palliative erogate in ambito domiciliare e dei servizi distrettuali
  • Coordinamento trapianti
  • Gestione del rischio clinico

L’Infermiere Case Manager è una figura attenta agli aspetti relazionali ed è in grado, quindi, di rapportarsi positivamente con le altre figure professionali aziendali e del territorio, grazie all’acquisizione di competenze trasversali: capacità di comunicare efficacemente ed assertivamente, di negoziare, di saper leggere il contesto, di sviluppare creatività, di saper porre e risolvere problemi, di saper lavorare in gruppo, con uno spostamento culturale dal lavoro inteso come mansione al lavoro inteso come professione, in un clima che valorizza il cliente interno.

Informazioni

Salute, ambiente e territorio
24/09/2023
70%
10
30
€ 2.625,00
Per i titoli d'accesso, fare riferimento all'avviso di selezione 22/23

FAQ

È previsto un primo modulo di stage assistito in realtà operative con esperienza diretta di Case Management nell’assistenza ai pazienti ricoverati in contesti ospedalieri, con guida da parte di tutor case manager della durata di 1 settimana (5 giorni) e un secondo modulo di stage che prevede un approfondimento in realtà aziendali dove sono maturate esperienze di case management per la gestione delle dimissioni protette, del triage sociosanitario e su casistica a domicilio. Lo stage si conclude con l’elaborazione di un lavoro finale ad opera dei corsisti.

Lo svolgimento delle lezioni è previsto in presenza con attività di laboratorio a distanza. La presenza è obbligatoria al 70% ed è riferita alla frequenza delle lezioni didattiche.
Le giornate di lezione sono 45, calendarizzate tra novembre 2022 e settembre 2023. Generalmente sono circa 5 giorni al mese articolati su diversi giorni della settimana, alternati in 2 settimane e con sequenza di almeno 2 giorni consecutivi. Il calendario delle lezioni annuali viene consegnato a inizio Master comprensivo della data di discussione del project work finale.

Sono previsti cinque elaborati relativi ai rispettivi moduli didattici con valutazione del docente e la produzione di un project work finale.