Il Master in Neuropsicologia clinica prepara i laureati in Psicologia a diventare esperti nella diagnosi e nella riabilitazione dei disturbi neuropsicologici.
Il corso intensivo nell’arco di un anno, alla luce dei progressi della ricerca nell’ambito delle neuroscienze cognitive, apporta una formazione specializzata e basata su evidenze empiriche, provenienti da solidi studi neuropsicologici.
Lo scopo del Master in Neuropsicologia Clinica è rispondere a una richiesta crescente di neuropsicologi clinici, esperti e altamente qualificati, da parte di centri pubblici e privati, quali cliniche neurologiche, unità di neuroriabilitazione, strutture per pazienti geriatrici, ambulatori territoriali.

Le attività formative del Master in Neuropsicologia clinica prepara professionisti in materia per i diversi contesti di applicazione pratica, fornendo modelli esplicativi dei processi cognitivi, normali e patologici, fondati sulle moderne scoperte delle neuroscienze cognitive. Il Master forma la figura di esperto in neuropsicologia clinica.

Il Master in Neuropsicologia clinica si rivolge ai laureati in Psicologia, nello specifico: Laurea in Psicologia ante (D.M. 509/99), 58/S-Classe delle lauree specialistiche in Psicologia (D.M. 509/99), LM-51-Classe delle lauree magistrali in Psicologia (D.M.270/04).

La figura professionale, formata attraverso il corso, può operare nei contesti di riabilitazione dei disturbi cognitivi e comportamentali in persone con cerebrolesione, sia adulti che bambini; nei centri dedicati alla diagnostica, alla prevenzione e all terapia delle demenze e delle altre patologie neurodegenerative; nelle istituzioni dedicate alla ricerca.

Il Master in Neuropsicologia clinica prevede la formazione in materia di:

 Modulo 1: NEUROPSICOLOGIA COGNITIVA

Il programma comprende la spiegazione delle basi teoriche e dei dati sperimentali a favore dei modelli cognitivi.

In particolare, saranno presentati i modelli cognitivi dell’attenzione, della memoria, della percezione, del calcolo, delle funzioni esecutive e della programmazione motoria.

Vengono illustrati, inoltre, elementi di neuropsicologia forense.

Modulo 2: NEUROPSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

Vengono trattati i temi della valutazione e della riabilitazione neuropsicologica dei disturbi cognitivi nell’età dello sviluppo.

L’insegnamento affronta quelle che sono le sindromi peculiari e acquisite dell’età dello sviluppo. Inoltre, si spiega la riabilitazione di tali disturbi.

Modulo 3: NEUROPSICOLOGIA CLINICA

Viene approfondito lo studio delle strutture e delle funzioni cerebrali relate a specifici processi psicologici e al comportamento.

Il programma prevede la spiegazione delle relazioni neuroanatomiche con le principali sindromi neuropsicologiche.

Inoltre, vengono illustrati gli studi del settore condotti su casi clinici singoli e/o di gruppo.

Modulo 4: RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA

Viene spiegato il concetto di plasticità cerebrale.

L’insegnamento affronta la riabilitazione delle patologie neuropsicologiche: afasie, alessie, agrafie, agnosie, disturbi attentivi, acalculie, disturbi delle funzioni esecutive, neglect, amnesie, demenze e traumi cranici.

Sono previste esercitazioni su casi clinici.

Modulo 5: VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA

Vengono affrontati i seguenti argomenti: il colloquio neuropsicologico con il paziente e con i familiari, la raccolta dei dati anamnestici, la diagnosi neuropsicologica, i test neuropsicologici, la stesura del referto neuropsicologico.

Sono previste esercitazioni su casi clinici.

Modulo 6: PSICOLOGIA CLINICA

Si approfondisce il tema del colloquio e del setting clinico.

Viene affrontato il concetto di diagnosi differenziale e vengono trattati argomenti come la schizofrenia e i disturbi alimentari.

Ci si sofferma, inoltre, sugli elementi di psicofarmacologia.

Modulo 7: PSICOFISIOLOGIA CLINICA

Vengono trattati i temi della valutazione e della riabilitazione psicofisiologica: il biofeedback e il suo utilizzo in ambito clinico.

Modulo 8: NEUROLOGIA

Viene trattato l’esame neurologico e la neurologia delle malattie neurodegenerative: malattia di Parkinson, demenza di Alzheimer, malattia di Pick, demenze sottocorticali, demenza frontotemporale.

Modulo 9: MALATTIE INTERNISTICHE

L’insegnamento affronta aspetti di medicina interna.

Vengono spiegate le malattie epatopatiche, l’ipertensione e il diabete di tipo 1 e 2 e la loro interazione con il sistema nervoso centrale.

Modulo 10: TECNICHE DI NEUROIMMAGINE E REGISTRAZIONE DEL SEGNALE

Vengono affrontate le principali tecniche di neuroradiologia e il loro utilizzo all’interno della riabilitazione neuropsicologica.

Viene spiegato l’EEG e i potenziali evocati e il loro utilizzo in ambito clinico.

Informazioni

La mente e il benessere psico-fisico
30/09/2023
80%
12
24
€ 2.422,50
€ 1.600,00
Per i titoli d'accesso, fare riferimento all'avviso di selezione 22/23
Ottieni la brochure
Trattamento dei dati personali*

FAQ

Sono previste 300 ore di didattica frontale e 500 ore di stage formativo, per un totale di 60 CFU erogati.
Le lezioni si tengono nelle giornate di sabato e alcuni venerdì. È prevista anche una settimana intensiva nel mese di giugno. L’orario delle lezioni è dalle ore 10:00 alle ore 17:00.
Lo stage formativo prevede attività supervisionata di valutazione e riabilitazione neuropsicologica presso strutture sanitarie, pubbliche e convenzionate, opportunamente selezionate. La prova finale prevede la discussione di un elaborato.

Il Master non eroga ECM, tuttavia esonera il professionista dall’obbligo di ottenimento per l’anno in corso.

Non sono previste borse di studio. Per i corsisti con invalidità riconosciuta dalle Commissioni del S.S.N. compresa fra il 66% e il 100% o con riconoscimento di disabilità ai sensi dell’articolo 3, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 è riservato un esonero totale del contributo d’iscrizione. Sono però tenuti al pagamento dei costi di preiscrizione (Euro 31,00), assicurazione (Euro 6,50) e imposta di bollo (Euro 16,00). È prevista, inoltre, una riduzione dei costi di iscrizioni per i dipendenti dell’Università di Padova.

È obbligatoria la frequenza all’80% delle lezioni.

L’Università di Padova è tra le prime università italiane a rilasciare l’Open Badge. Si tratta di un attestato digitale riconosciuto a livello internazionale che facilita l’ingresso nel mondo del lavoro. Per maggiori informazioni consultare la pagina https://www.unipd.it/open-badge.