Il Corso in Diagnosi di laboratorio e clinica in trombosi ed emostasi aggiorna le figure professionali in ambito medico, biologico, infermieristico e laboratoriale sulle nozioni di diagnosi e management delle principali malattie dell’emostasi.
Il Corso di perfezionamento approfondisce le conoscenze teorico-pratiche per l’esecuzione e l’interpretazione dei test di laboratorio. Nel dettaglio, forma sulla tecnica di esecuzione dei test di laboratorio e permette di apprendere l’interpretazione dei risultati attraverso stage pratici, in cui mettere in pratica l’indicazione e l’applicazione dei test di laboratorio all’interno degli algoritmi diagnostici, per arrivare alla diagnosi delle malattie dell’emostasi, ovvero delle principali coagulopatie trombotiche ed emorragiche congenite ed acquisite.

Il Corso in Diagnosi di laboratorio e clinica in trombosi ed emostasi prevede l’acquisizione di competenze ultra specialistiche nella esecuzione ed interpretazione dei test di laboratorio per la diagnosi delle principali malattie dell’emostasi.

Nel percorso formativo vengono organizzati periodi di frequenza presso le strutture laboratoristiche del Corso, con modalità preventivamente concordate con i docenti e gli allievi, allo scopo di favorire un percorso omogeneo e regolare.

Il programma, organizzato in otto insegnamenti, è illustrato nel dettaglio di seguito.

Il Corso in Diagnosi di laboratorio e clinica in trombosi ed emostasi si rivolge a laureati in medicina e chirurgia, scienze biologiche e biotecnologie mediche e a studenti con diploma universitario di durata triennale in biologia, scienze infermieristiche, tecniche di laboratorio.

Il Corso di perfezionamento forma figure professionali (medici, biologi, tecnici di laboratorio, infermieri) che possono essere impiegate nelle strutture sanitarie pubbliche e private nazionali, con particolare riferimento all’erogazione di attività sanitaria specialistica ragionata, ad elevata autonomia sia in ambito assistenziale che ambulatoriale.

Il Corso in Diagnosi di laboratorio e clinica in trombosi ed emostasi prevede la formazione distribuita secondo i seguenti insegnamenti:

Insegnamento 1 – FISIOPATOLOGIA DELL’EMOSTASI E PRINCIPALI TEST DI LABORATORIO

Fisiologia del sistema coagulativo. Fisiopatologia dell’emostasi. Overview dei principali test di laboratorio in emostasi e trombosi.

Insegnamento 2 – EPIDEMIOLOGIA E DIAGNOSI DELLE MALATTIE EMORRAGICHE

Epidemiologia, clinica, diagnosi e cenni di terapia delle coagulopatia emorragiche congenite (emofilia, malattia di von Willebrand, disordini emorragici rari) e acquisite (emofilia acquisita, coagulazione intravascolare disseminata, coagulopatia cirrotica, coagulopatia da farmaci).

Insegnamento 3 – EPIDEMIOLOGIA E DIAGNOSI DELLE MALATTIE TROMBOTICHE

Epidemiologia, clinica, diagnosi e cenni di terapia della malattia tromboembolica venosa e discussione dei fattori di rischio congeniti ed acquisiti.

Insegnamento 4 – IL LABORATORIO NEGLI ALGORITMI DIAGNOSTICI DELLE MALATTIE DELL’EMOSTASI

Discussione degli algoritmi diagnostici nelle malattie trombotiche ed emorragiche; applicazione ed interpretazione dei test di laboratorio nei diversi algoritmi diagnostici; appropriatezza della richiesta dei test di laboratorio.

Insegnamento 5 – IL LABORATORIO NELLA DIAGNOSI DELLE TROMBOFILIE CONGENITE ED ACQUISITE

Test per la diagnosi dei difetti di inibitori della coagulazione; test per il dosaggio degli anticorpi antifosfolipi; test funzionali e antigenici.

Insegnamento 6 – BIOLOGIA MOLECOLARE NEL LABORATORIO DI EMOSTASI E TEST DI TROMBINOGENERAZIONE

Tecniche di biologia molecolare nel laboratorio di trombosi ed emostasi. Principi di funzionamento del test di trombino-generazione e applicazione del test nella malattia dell’emostasi

Insegnamento 7 – TEST GLOBALI DI COAGULAZIONE E COLTURE CELLULARI

Principi di funzionamento dei test globali della coagulazione (tromboelastometria ed aggregometria piastrinica su sangue intero); utilità clinica dei test globali in emostasi e trombosi; modelli di coltura cellulare e microscopia applicati alle malattie emorragiche.

Insegnamento 8 – QUALITÀ NEL LABORATORIO DI EMOSTASI E TROMBOSI

Programma di qualità generale; qualità nei test di coagulazione; qualità nei test di trombofilia ed emofilia e monitoraggio degli anticoagulanti.

A questo link è disponibile la graduatoria generale di merito per l’A.A. 22/23

A questo link è disponibile la graduatoria generale di merito per l’A.A. 22/23 – seconda finestra

Informazioni

Salute, ambiente e territorio
30/09/2023
70%
5
15
€ 742,50
€ 480,00
Per i titoli d'accesso, fare riferimento all'avviso di selezione 22/23
Ottieni la brochure
Trattamento dei dati personali*

FAQ

La didattica è organizzata in lezioni frontali che si terranno presso l’Azienda Ospedale Università di Padova ed è suddivisa in 10 lezioni che si svolgeranno il venerdì pomeriggio per, al massimo, un paio di venerdì al mese, distribuite nel corso dell’anno accademico presso le aule didattiche del Dipartimento di Medicina (DIMED).
Sono previsti inoltre due cicli di tirocinio pratico in laboratorio sotto la supervisione di un tutor. I discenti parteciperanno inoltre a seminari periodici e ad incontri con discussione di casi clinico-laboratoristici.

Ogni discente dovrà svolgere 2 settimane non continuative di tirocinio, suddivise tra il laboratorio (centrale e di MTE) e gli ambulatori della UOC Medicina generale e UOSD Malattie Trombotiche ed emorragiche.
Gli studenti svolgeranno il loro tirocinio presso la UOC di Medicina di Laboratorio e la UOC di Medicina Generale ad indirizzo trombotico ed emorragico all’interno dell’Azienda Ospedale Università di Padova.

Al termine del Corso verranno assegnati 12 CFU, dopo aver superato la prova finale che consiste nella discussione di una tesina. È richiesto il raggiungimento di una frequenza minima pari al 70% della frequenza obbligatoria, considerando complessivamente, le attività di lezione e tirocinio/stage.

È prevista solo una prova finale di accertamento del profitto complessiva per tutti gli insegnamenti, che consiste nella discussione di una tesi/elaborato.

È richiesto il raggiungimento di una frequenza minima pari al 70% della frequenza obbligatoria considerata sul complesso delle attività di lezione frontale e di tirocinio/stage.